Home - Rubriche - Di Porto in Piatto

Di Porto in Piatto

Seleziona Ricette per Destinazione

HACKED

HACKED
leggi tutto


A Ponza, la parmigiana di fiori di zucca

Le Isole Pontine sono famose per la limpidezza delle proprie acque e i fondali chiari e pescosi, assoluto paradiso per gli amanti delle discipline subacquee: inevitabilmente la cucina tipica è prevalentemente a base di pesce, ma anche la produzione agricola, seppur scarsa, ha prodotti di pregevole qualità.
La parmigiana di fiori di zucca è un piatto dal sapore inconfondibile, grazie anche alla mozzarella di bufala campana Dop. Definito da molti la regina della cucina mediterranea, questo latticino è fatto con il latte di bufala di razza mediterranea italiana, iscritta obbligatoriamente... leggi tutto


A Ischia, il calamaro imbottito

2

La cucina dell'Isola d'Ischia è caratterizzata soprattutto da ricette a base di prodotti agricoli e di carne, ma anche il pesce veste un ruolo importante in alcune delle sue prelibatezze più famose, tra cui il delizioso calamaro imbottito all’ischitana.
Ecco il procedimento per realizzare questo gustoso piatto.
Pulire e tagliare a tocchetti i tentacoli di 2 calamari e farli rosolare in poco olio.
Mettere in ammollo 150 gr di mollica di pane raffermo, strizzarlo bene e farlo rosolare in un cucchiaio di olio.
In una terrina mettere i tentacoli, la mollica, delle olive di Gaeta snocciolate, dei... leggi tutto


A Napoli, il baccalà alla napoletana

Un piatto di pesce tipico della cucina campana è sicuramente il baccalà alla napoletana, di cui qui di seguito vi proponiamo la ricetta per soddisfare i palati golosi di 6 persone.
Sciacquare innanzitutto 1 kg di baccalà ammollato e tagliarlo a bocconcini da infarinare e friggere fino a raggiungere una perfetta doratura. Toglierlo dall’olio e adagiarlo su fogli di carta assorbente per eliminare l’unto in eccesso.
In una casseruola imbiondire due spicchi d’aglio in olio d’oliva, toglierlo e aggiungere 200 gr di olive nere, una manciata di pinoli, 40 gr di capperi sotto sale e 500 gr di pomodori... leggi tutto


A Ischia, il liquore alla rucola

Ischia, l’  “isola verde” nel cuore del golfo di Napoli, è famosa anche per la produzione del liquore alla rucola, un particolare amaro digestivo.
Già nell’epoca romana venivano apprezzate le proprietà di questa pianta dal sapore pungente.
La rucola è ricca di vitamina C, potassio e sali minerali, stimola l’appetito, aiuta il fegato e favorisce la digestione.
Il liquore più famoso che viene venduto a Ischia è il Rucolino, ma alcuni isolani preferiscono la ricetta casalinga.
Mettere in 1 lt. di alcool 40 foglie di rucola, le bucce tagliate sottili di 1 arancia, 1... leggi tutto


A Capri, la chiummenzana

Come spesso capita, la cucina campana riesce a stupire anche per imprevedibili ed inaspettate tipicità. Una di queste, tra le tante, è legata ad un semplice sugo di terra, famoso però perchè legato ad uno dei territori di mare più famosi al mondo, l'isola di Capri. La “Chiummenzana” è infatti un sugo al pomodoro con gli aromi tipici della cucina mediterranea.
Questa prelibatezza tipica dell’ "isola azzurra" viene impiegata per molteplici usi: come condimento per pasta, come salsa per intingere i ravioli fritti e al posto dell’olio o del burro... leggi tutto


A Ventotene, la murena in scapece con cipolla rosa

La piccola isola di Ventotene, gemma tirrenica del mare laziale e famosa perchè paradiso di sub per la straordinaria bellezza dei fondali, ricchi di vita, colori e storia nascosta, sà esprimere altrettanti valori di gusto e buona tavola sebbene il suo piccolo territorio sembrerebbe più dedito al consumo di piatti e ricette magari importati dal più prossimo litorale costiero.
Una di queste è proprio la murena in scapece con cipolla rosa di cui si descrive brevemente la preparazione.
Eviscerare e spellare 2 kg di murena, tagliarla a tocchetti, infarinare e friggere in olio di semi di girasole.
Tagliare... leggi tutto


A Napoli, un pò di storia della pizza

La pizza, il piatto tipico della tradizione culinaria napoletana, ha origini antichissime. Infatti, alcuni storici ritengono che questo alimento fosse già presente nella cucina etrusca con forme e ingredienti naturalmente molto diversi da oggi.
Ma la vera pizza nasce intorno al 1600 dall’indiscusso ingegno dei cuochi partenopei, i quali trovarono il sistema per rendere più gustosa la tradizionale schiacciata di pane. Cominciarono quindi a condirla con aglio, strutto e sale grosso oppure aggiungevano caciocavallo e basilico.
Nel corso del 600′ si diffuse la cosiddetta pizza alla “mastunicola”, ossia... leggi tutto


A Napoli, la frittata cafona

La “frittata ‘e vermicielle à cafone”, o semplicemente “frittata cafona”, è un primo piatto tipico napoletano spesso realizzata per pasti fugaci, in caso di pic-nic domenicali o ancora da consumare in riva al mare durante le lunghe giornate di sole estivo sui litorali campani e di cui qui di seguito vi riportiamo l’invitante ricetta.
Soffriggere in 70 gr di olio 1 spicchio d’aglio, 50 gr di acciughe tritate, 50 gr di olive snocciolate e tagliate finissime, 25 gr di capperi e un filetto di pomodoro. Cuocere nel frattempo 700 gr di vermicelli e scolarli al dente; sistemarli in una... leggi tutto


A Procida, i paccheri con carciofi

Terra di strabilianti tradizioni marinare, un Istituto Nautico che ha relagato eccezionali uomini di mare alla marineria italiana, una ricca flottiglia di pescherecci, eppure sono stranamente di terra alcune succulente peculiarità culinarie della tradizione della piccola isola di Procida, nel Golfo di Napoli. Tra queste i carciofi che vengono preparati in diverse ricette e che qui proponiamo nell'accoppiamento con un formato di pasta che ne esalta la bontà, i paccheri.
Pulite i carciofi e tagliateli a spicchi, lasciateli sbollentare per breve tempo senza lasciarli diventare troppo morbidi.
Scolate i carciofi, nel frattempo... leggi tutto


A Ponza, spaghetti di farro con gamberoni e basilico

Tra i piatti più famosi che l’isola propone, particolarmente delicati e saporiti sono gli spaghetti di farro con gamberoni di Ponza e basilico, sublime incrocio terra-mare tra i più ricercati nelle località costiere.
Ecco gli ingredienti e la preparazione per cucinare questo primo ponziano.
In una padella larga mettere 1 bicchiere di olio extravergine di oliva (preferibilmente di Itri),replica watches 4 spicchi d’aglio e 16 gamberoni rossi sbucciati, lasciandogli solo la testa.
Sfiammare ½ bicchiere di vino bianco secco e unire mezzo mazzetto di... leggi tutto


A Capri, la torta caprese

La torta caprese, originaria dell’Isola di Capri, è un tipico dolce napoletano a base di cioccolato, mandorle e senza aggiunta di farina, che si presenta piuttosto basso, croccante all’esterno ma umido e morbido al suo interno. 
Di facile e veloce realizzazione, non contenendo farina, si adatta alle persone affette da celiachia.
Procurarsi delle mandorle già pelate o scottarle in acqua bollente per 1 minuto, quindi scolarle ed eliminare la buccia. Andranno quindi tostate leggermente nel forno a circa 200°, per poi lasciarle raffreddare.
Una volta fredde, vanno spezzettate non troppo finemente così... leggi tutto


A Ischia, il pescespada all'ischitana

Ogni giorno attorno ad Ischia si pesca dell’ottimo e vario pesce, grazie alla posizione privilegiata dell’isola, posta all’estremità settentrionale del golfo di Napoli. Durante l’estate, sulla spiaggia dei Maronti, si celebra la festa del pesce spada la cui carne è consumata affumicata in carpaccio, cruda nel giapponese sashimi, o alla brace, come più spesso viene proposto sull'isola. Ecco la ricetta di quest’ultima versione.
Ricetta del Pesce Spada all’ischitana cotto alla brace per 4 persone:replica... leggi tutto


A Napoli, i moscardini alla napoletana

I moscardini alla napoletana sono un ottimo antipasto di pesce, leggero e saporito, da gustare soprattutto nelle calde sere d’estate, accompagnato con vini bianchi campani. Simili al polipo ma decisamente più piccoli (massimo 15-20 cm) sono di colore grigio-bruno, con occhi sporgenti, la testa più piccola del corpo e con gli otto tentacoli caratterizzati da una sola fila di ventose. La pesca avviene durante tutto l'anno in mare aperto, mentre in primavera i branchi si avvicinano alle coste per la riproduzione facilitandone la cattura.
Ecco la ricetta e gli ingredienti per 4 persone:
Pulire... leggi tutto


A Napoli, tagliolini bianchi e neri con totani e patate

Ricetta tipica della cucina campana, i totani e le patate sono un ottimo esempio di come il sapore delicato di questi molluschi si coniuga benissimo con le verdure.
Portare ad ebollizione 1 litro di acqua salata e versarvi 400 gr di farina di grano duro, mescolare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Spegnere il fuoco e dividere l’impasto in 2 parti uguali, in una metà aggiungere il nero di seppia mescolando con cura.
Lasciare riposare i composti per circa 1 ora; replica watches stenderli poi su una spianatoia infarinata e ricavarne dei tagliolini.
Nel frattempo che i... leggi tutto


A Napoli, spaghetti con le vongole al limone

Facile ricetta tipica della Campania, in particolare di Napoli: gli spaghetti con le vongole al limone. Si tratta di un piatto richiesto e ricercato nelle locande così come nei ristoranti più chic presenti in tutte le località marinare della regione. Le quantità indicate sono per 4 persone.
In un padella abbastanza grande, fate scaldare 1 dl di olio di oliva e fate rosolare uno spicchio di aglio. Lavate 1 kg di vongole con acqua fredda e versatele nel tegame con l’olio, dopo aver eliminato l’aglio. Lasciatele aprire, sgusciatele e filtrate il liquido di cottura.
Lavate due limoni. Di uno dei... leggi tutto


A Sorrento, gli spaghetti alle noci

La cucina di Sorrento ha una vasta gamma di piatti gustosi che rispecchiano armonie e sapori che la regione offre, tra cui le ben note noci sorrentine, di grandezza e bontà particolari.
Gli spaghetti con le noci sono un piatto tipico della cittadina campana, un primo originale e molto semplice da preparare.
Lessare gli spaghetti al dente e contemporaneamente, in una padella, versare un po’ di olio extra vergine di oliva e rosolarvi uno spicchio di aglio che appena dorato va sostituito con una acciuga. Versare in seguito i gherigli delle noci, rigorosamente di Sorrento, facendoli cuocere per alcuni minuti. Scolare gli... leggi tutto


A Procida, cicarelle e patate

Procida è un’isola meravigliosa, dall’incomparabile bellezza e autenticità.
La piccola isola del golfo partenopeo è fatta di gente semplice che vive di mare. E proprio da quel mare azzurro e cristallino vengono pescati i pesci più saporiti, protagonisti delle ricette procidane più sfiziose.
Le cicarelle, dette anche canocchie, sono cicale di mare dal gusto prelibato e sono l’ingrediente principale di questo gustosissimo piatto: “Cicarelle e Patate”.
Per 4 persone occorrono i seguenti ingredienti:
1 kg di cicarelle
1 kg di patate
prezzemolo, sale, olio a... leggi tutto


A Napoli, il famoso e gustoso Babà

Il babà napoletano è il dolce più tipico del capoluogo partenopeo.
Molti non sanno, però, che le origine del babà sono polacche: il dolce infatti è stato casualmente inventato dal Re polacco Stanislao Leszczinski il quale, dopo l’ennesimo kugelhupf servito, lanciò il piatto del dessert lontano da sé, colpendo inavvertitamente una bottiglia di brandy che si rovesciò sul dolce creando la leccornia che oggi noi tutti possiamo gustare.
Il Sovrano lo chiamò Babà in onore di Alì Babà, protagonista del libro “Le... leggi tutto


A Ventotene, gli gnocchi al sapore di mare

Piccola lingua di terra regalata al mare, l'isola di Ventotene sa regalare straordinarie golosità a chi si appresta a scoprirne ogni sua peculiarità che non siano solo i fondali, le calette e l'archeologia.
Gli gnocchi al sapore di mare ne sono un esempio lampante e ovviamente goloso.
Mettere in una padella olio extra vergine d’oliva, rosolare uno spicchio d’aglio con un pizzico di peperoncino, aggiungere 3 pomodorini tipo pachino, alcuni tentacoli di polipo precedentemente lessati e 10 code di gambero scottate. Far sfumare con sale e mezzo bicchiere di vino bianco e nel frattempo cuocere 500 grammi di... leggi tutto


A Napoli, il ragù alla genovese

Il “ragù alla genovese”, sebbene il nome possa trarre in inganno, è un piatto tipico della tradizione napoletana.
Questo gustoso condimento pare essere stato inventato da cuochi genovesi che gestivano, nel 1400, alcune osterie del porto di Napoli.
Per preparare un vero “ragù alla genovese”seguite la ricetta che vi proponiamo.
Tritare 1 gambo di sedano, tagliare a mezzaluna 2 carote e tagliare a fettine sottili 1 kg di cipolle bianche.
Scaldare in una casseruola 50 gr di burro e 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva, unire le carote e il sedano e poi 1 kg di carne bovina... leggi tutto


A Napoli, la parmigiana di melanzane

Una delle tante specialità gastronomiche di Napoli è la “parmigiana di melanzane”.
Piatto antico dal gusto prelibato, la parmigiana campana è tutt’altro che leggera, ma la sua bontà fa peccare di gola chiunque ne senta il delizioso profumo.
L’ingrediente principale è ovviamente la melanzana, in dialetto napoletano mulignana, e la ricetta è tutt’altro che semplice; la qualità e la preparazione degli ingredienti è molto importante per la riuscita del piatto.
Il fiordilatte, ad esempio, tipico formaggio fresco campano, va acquistato il giorno prima... leggi tutto


A Napoli, il tortino di melanzane

La melanzana, verdura tipica della calda stagione mediterranea, è la protagonista della succulenta ricetta campana che qui di seguito vi presentiamo: il tortino di melanzane e pomodoro con mozzarella.
Tagliare a fette, nel senso della larghezza, 2 melanzane lunghe e cuocerle al forno con un filo d’olio, sale e pepe a 220° per 20 minuti.
Nel frattempo rosolare 1 spicchio d’aglio e unire 400 gr di polpa di pomodoro, sale e una puntina di cucchiaino di zucchero e cuocere per 15 minuti.
Tagliare 300 gr di mozzarella a fettine sottili, ungere una pirofila e formare 4 tortini alternando strati melanzane, sugo al... leggi tutto


A Capri, i ravioli capresi

Piatto caratteristico per eccellenza dell'isola di Capri, hanno forma generalmente circolare e dimensione che non supera i 5-6 cm. La loro preparazione si tramanda in ogni casa di generazione in generazione e spesso sono i protagonisti acclamati delle tavolate domenicali, vera leccornia per adulti e bambini.
Prepariamo la sfoglia mettendo in un recipiente la farina, l’olio extravergine di oliva, mezzo litro di acqua calda mescolando energicamente fino ad ottenere una pasta omogenea da far riposare qualche ora.
A differenza della opulenta versione emiliana in questo caso nella pasta non si mettono né uova e né burro.leggi tutto


A Ventotene, il purpetiello con scarola e lenticchie

Le prime coltivazioni di lenticchie, sull’Isola di Ventotene, risalgono, da cenni storici, all’inizio del 1800, ma c’è chi sostiene l’ipotesi che tale coltivazione era già praticata ai tempi della colonizzazione dell’Isola da parte dei Romani. Dopo aver raggiunto quote di produzione ragguardevoli (si parla infatti di circa 1500 q.li annui) tali da stimolare l’esportazione del prodotto in terraferma, si è avuto, in seguito allo spopolamento dell’Isola, nell’immediato dopoguerra, un forte calo della produzione fino ad arrivare ad una coltivazione a carattere prettamente familiare... leggi tutto


A Ponza, la bazzoffia delle pontine

La Bazzoffia dell’agro pontino è un primo piatto tipico delle isole pontine.
Era un piatto stagionale. In passato si mangiava solo tra aprile e maggio, nel periodo dell’ultima raccolta dei carciofi (la carciofella, una via di mezzo tra il cimarolo e il carciofino, è un suo ingrediente) e dell’arrivo delle prime fave e dei primi piselli. Ora, invece, che queste tre verdure si trovano tutto l’anno, fresche o surgelate, così come si trovano sempre le altre verdure (lattuga, bieta e cipolla fresca) con cui questa zuppa viene preparata, è possibile portarla a tavola ogni giorno. Piatto povero... leggi tutto


A Napoli, lasagnetta di pesce crudo

La lasagnetta di pesce crudo, è una ricetta napoletana, facile da fare anche per i meno esperti delle arti culinarie, ed è un primo piatto con alici, seppie e scampi, ideale da abbinare a un vino bianco asciutto e armonico come il Biancolella d’Ischia.
Condire 8 scampi medi sgusciati con olio sale e pepe; 16 alici (privandole di spina e testa e divise in 2) con sale, pepe e poche gocce di colatura di alici di Cetara; 2 seppie fresche e tagliate a julienne con olio, sale e pepe.
Cuocere 16 sfoglie di pasta all’uovo (meglio di 7 cm a lato) in acqua salata, scolarle, raffreddare con acqua fredda e lasciarle asciugare su... leggi tutto


A Napoli, il nocino napoletano

Non tutti sanno che il ”Nocino”, tradizionale liquore napoletano, ha origini molto antiche, e l’originale viene preparato con le noci raccolte la notte di San Giovanni tra il 23 e il 24 Giugno.
Per preparare l’autentico “Nocino napoletano” seguite questa semplice ricetta:
Lavare sotto acqua corrente 22 noci ed asciugarle; dividere ogni noce in quattro parti senza levare il mallo (consigliamo i guanti perchè il verde delle noci colora le mani e diventa difficile da togliere).
Introdurre le noci in un capiente bottiglione di vetro e aggiungere 1 litro di alcol, 7 chiodi di garofano, 1 noce... leggi tutto


A Capri, totani e patate

La cucina di Capriè famosa per la bontà dei suoi piatti, ricette tipiche tramandate da generazioni, a base soprattutto dell’ottimo pesce che lo splendido mare offre.
Tra i secondi piatti più rinomati dell’isola, un posto d’onore va agli squisiti “totani e patate”.
La ricetta per quattro persone è la seguente:
Soffriggere in una padella dell’olio d’oliva con 1 spicchio d’aglio, ¼ di cipolla e del peperoncino per qualche minuto.
Aggiungere al soffritto 1 Kg di totani puliti e tagliati a listarelle e versarvi mezzo bicchiere di vino bianco, una volta... leggi tutto


Ventotene, le bruschette alle telline

A metà tra la cucina romana e quella napoletana, la gastronomia della regione pontina porta a tavola con successo le ricche e incessanti contaminazioni storiche e culturali vissute da questa terra di confine.
Tra i piatti di tradizione marinara non possiamo non citare le “bruschette alle telline”, molluschi pregiati per la dolcezza e la delicatezza delle loro carni, molto comuni nel Mediterraneo.
Le telline vivono in fondali sabbiosi, quindi ricordiamo di farle spurgare prima di cucinarle, mettendole a bagno in acqua con sale grosso; sciacquarle poi con acqua corrente, fregandole energicamente con uno... leggi tutto


A Ischia, il coniglio all'ischitana

Ai meno ferrati in materia sembrerà invero assai strano ma sull’isola d’Ischia il piatto tipico non è di mare bensì di terra: il coniglio all’ischitana. Il suo sugo è assolutamente l’optimum per condire la pasta - notoriamente la ricetta classica e più vera prevedrebbe i bucatini -  completata con prezzemolo (o basilico) e abbondante parmigiano grattugiato al momento.
Per assaporarlo al meglio bisognerebbe ordinarlo quando si prenota, perchè la ricetta originale prevede una preparazione abbastanza lunga. La particolarità di questa, sta soprattutto nella materia... leggi tutto


A Sorrento, le penne alla sorrentina

La pasta alla sorrentina è una ricetta tipica della cucina campana molto conosciuta nel mondo. È un piatto tradizionale che tutti i ristoranti nella Penisola Sorrentina propongono. I turisti ne vanno matti ed è stato così esportato in Europa, America, Giappone ecc.. Sono famosi gli gnocchi alla sorrentina e questa delle penne è una sua variante. La preparazione e alcuni ingredienti utilizzati ricordano quelli che si usano per preparare la famosa pizza margherita, anche questa come ė ben noto di origini campane. Si tratta quindi di un primo economico, sostanzioso e... leggi tutto


Si effettuano Charters & Noleggi per Escursioni personalizzate da 1 a 300 pax